Alessandro Speziali

“I Ticinesi
non sono statistiche”

Lista PLR n. 5
Candidato al CdS n. 4
Candidato al GC n. 63

Sono fiero del mio Paese – da sempre. Un affetto sincero, che non ho mai considerato come un obbligo di essere nel contempo anche contro qualcuno o qualcosa. Forse la penso così perché fin da quando sono piccolo ho sentito parlare del Ticino e della Svizzera: un modello da ammirare e servire con dedizione. Da sempre, mi è stato chiaro che lo spirito di servizio e il senso di appartenenza sono le fondamenta del miracolo elvetico. Mi impegno a rispettare questa convinzione al lavoro, in Parlamento e nella vita di tutti i giorni.


Ultimi articoli

Riaccendiamo la luce nei nuclei

06 febbraio 2020

Le nostre valli non sono un museo a cielo aperto: non dobbiamo stancarci di ripeterlo. Bisogna mettere in discussione la tutela paternalista delle zone periferiche, che troppo spesso finisce per mummificarle, e passare a un approccio che stimoli il loro battito cardiaco. 

Leggi tutto...

Viva il Natale, una festa liberale

24 dicembre 2019

Qualche giorno fa una coppia di amici mi ha mostrato una fotografia: girando per mercatini, ha approfittato di un presepe in scala 1:1 per infilare nella mangiatoia – per il momento ancora vuota – il loro bimbo, che negli scatti rivolge uno sguardo piuttosto perplesso al bue e all’asinello. Un omaggio un po’ irriverente, che mi ha fatto pensare al nostro rapporto con il Natale; una festa che rimane viva nei segni, dai regali alle doverose cene in famiglia, ma che sembra sempre più lontana nei suoi significati.

Leggi tutto...

Riforma fiscale: ci scambiamo un segno di pace?

17 novembre 2019

Dopo decenni di benessere diffuso e fiducia in una crescita infinita, il mondo si è trasformato in un posto diverso. L’economia sembra un ecosistema ostile, alle aziende nessuno riconosce un ruolo sociale e i ricchi sono nemici del popolo. Sono tempi complicati per proporre una riforma fiscale… oppure no?

Leggi tutto...

Congiunzioni problematiche, per davvero

21 settembre 2019

Anche in Svizzera si sono coagulate forze conservatrici e alternative che – sebbene partano da fronti opposti – si oppongono sistematicamente alle novità tecnologiche o perfino alle evidenze scientifiche. Se un approccio critico è certamente più ragionevole della cieca fiducia nella scienza, questo movimento trasversale serve soprattutto a chi cerca di rastrellare consensi, lottando contro un sistema economico accusato di servire solo i «poteri forti».

 

Leggi tutto...

@ale_speziali