Alessandro Speziali

Sono fiero del mio Paese – da sempre. Un affetto sincero, che non ho mai considerato come un obbligo di essere nel contempo contro qualcuno o qualcosa. Forse la penso così perché fin da quando sono piccolo ho sentito parlare del Ticino e della Svizzera: un modello da ammirare e servire con dedizione. Da sempre, mi è stato chiaro che lo spirito di servizio e il senso di appartenenza sono le fondamenta del miracolo elvetico. Mi impegno a rispettare questa convinzione al lavoro, in Parlamento e nella vita di tutti i giorni.

Ultimi articoli

Che il 2021 sia l'anno della riapertura

17 dicembre 2020

Ci lasciamo alle spalle un anno impossibile da dimenticare, nel quale sono state messe alla prova conquiste che davamo per scontate – come la nostra libertà. Questo 2020 ci ha ricordato che nessun valore è «per sempre»: va custodito e tenuto vivo, perché non è mai al riparo dalle turbolenze della Storia.

Leggi tutto...

Serve una voce per la società

19 novembre 2020

Come polvere nascosta sotto il tappeto, la nostra società ha rimosso nel tempo alcune delle proprie contraddizioni: questa crisi le sta ora riportando alla luce, con un discreto potenziale esplosivo. Da mesi ci stiamo rimangiando l’idea che «lo sport è salute, aggregazione, integrazione, normalità, benessere psicofisico, a tutte le età». La cultura? La lodiamo in tempo di pace, ma a ogni ondata pandemica è la prima a essere sacrificata. 

Leggi tutto...

Decollare insieme, o restare a terra divisi

19 novembre 2020

Per la politica della nostra piccola Repubblica siamo al momento dell’ultima chiamata – quella che fa correre i compagni di viaggio ritardatari verso il gate dell’aeroporto. Per imbarcarci tutti sull’aeroplano verso il futuro non basterà sapere dove andare, ma dovremo anche riuscire a tenere insieme la comitiva. L’incontro di settimana scorsa, tra i partiti di Governo e il Consiglio di Stato, serviva anche a questo: affermare che non vogliamo rimanere a terra, e che restando uniti ce la possiamo fare. 

Leggi tutto...

Non ci servono macerie in ottima salute

30 ottobre 2020

Il 2020 non sarà ricordato come un anno glorioso per il Parlamento di questo Cantone. A parecchi cittadini non siamo affatto mancati, durante la sospensione della democrazia, e altri potrebbero ora convincersi che, in fondo, siamo irrilevanti. Lo dico perché mi sembra che molti abbiano intuito che affrontare questa crisi sanitaria sia pericoloso (se non con il senno di poi)

Leggi tutto...

@ale_speziali