Alessandro Speziali

Sono fiero del mio Paese – da sempre. Un affetto sincero, che non ho mai considerato come un obbligo di essere nel contempo contro qualcuno o qualcosa. Forse la penso così perché fin da quando sono piccolo ho sentito parlare del Ticino e della Svizzera: un modello da ammirare e servire con dedizione. Da sempre, mi è stato chiaro che lo spirito di servizio e il senso di appartenenza sono le fondamenta del miracolo elvetico. Mi impegno a rispettare questa convinzione al lavoro, in Parlamento e nella vita di tutti i giorni.

Ultimi articoli

Amici votate amici

15 aprile 2021

Che senso ha oggi eleggere il vostro Municipio e il vostro Consiglio comunale? Con l’aria che tira, qualcuno potrebbe essere tentato di dare ragione ai disfattisti – quelli per cui le scelte politiche avvengono sempre più in alto, in sfere di potere che orbitano ormai a distanza siderale dalle istituzioni di base della nostra democrazia semidiretta. 

Leggi tutto...

Il mito degli scienziati in pandemia

21 marzo 2021

Turry è un’intelligenza artificiale inventata per scrivere a mano «Amiamo i nostri clienti». Quando viene per sbaglio collegata a internet, assorbe in pochi secondi tutte le conoscenze del web e inizia a sfruttarle per il suo scopo: produrre il massimo numero possibile di bigliettini, impedire ai suoi creatori di spegnerla e progettare un modo per replicarsi. Non vi spoilero però il finale (non lieto), che trovate facilmente in rete.

Leggi tutto...

Che il 2021 sia l'anno della riapertura

17 dicembre 2020

Ci lasciamo alle spalle un anno impossibile da dimenticare, nel quale sono state messe alla prova conquiste che davamo per scontate – come la nostra libertà. Questo 2020 ci ha ricordato che nessun valore è «per sempre»: va custodito e tenuto vivo, perché non è mai al riparo dalle turbolenze della Storia.

Leggi tutto...

Serve una voce per la società

19 novembre 2020

Come polvere nascosta sotto il tappeto, la nostra società ha rimosso nel tempo alcune delle proprie contraddizioni: questa crisi le sta ora riportando alla luce, con un discreto potenziale esplosivo. Da mesi ci stiamo rimangiando l’idea che «lo sport è salute, aggregazione, integrazione, normalità, benessere psicofisico, a tutte le età». La cultura? La lodiamo in tempo di pace, ma a ogni ondata pandemica è la prima a essere sacrificata. 

Leggi tutto...

@ale_speziali