Alessandro Speziali

Sono fiero del mio Paese – da sempre. Un affetto sincero, che non ho mai considerato come un obbligo di essere nel contempo contro qualcuno o qualcosa. Forse la penso così perché fin da quando sono piccolo ho sentito parlare del Ticino e della Svizzera: un modello da ammirare e servire con dedizione. Da sempre, mi è stato chiaro che lo spirito di servizio e il senso di appartenenza sono le fondamenta del miracolo elvetico. Mi impegno a rispettare questa convinzione al lavoro, in Parlamento e nella vita di tutti i giorni.

Ultimi articoli

Il virus della speranza socialista

23 maggio 2020

Lo abbiamo visto in ogni crisi: dalle crepe del sistema economico spunta la speranza di essere finalmente di fronte al redde rationem, alla sconfitta del Grande Satana – che oggi viene identificato con il «neoliberismo», qualunque cosa sia.

Leggi tutto...

Scuola, scuola, scuola

15 maggio 2020

«Il futuro non è più quello di una volta», diceva una vecchia scritta sul muro, e il rischio è che chi oggi ha meno di 25 anni possa crederci per davvero. Ecco perché faremmo bene a convenire sull’idea che fare ripartire il nostro Cantone significherà, prima di tutto, occuparsi della scuola – intesa come luogo di sapere, crescita personale e, soprattutto, costruzione del futuro.

Leggi tutto...

E adesso occupiamoci dei giovani

29 aprile 2020

Questa crisi è piena di incertezze, ma qualcosa è già chiaro: le conseguenze economiche sono gravissime, e a pagarle saranno le giovani generazioni.

Leggi tutto...

Riaccendiamo la luce nei nuclei

06 febbraio 2020

Le nostre valli non sono un museo a cielo aperto: non dobbiamo stancarci di ripeterlo. Bisogna mettere in discussione la tutela paternalista delle zone periferiche, che troppo spesso finisce per mummificarle, e passare a un approccio che stimoli il loro battito cardiaco. 

Leggi tutto...

@ale_speziali